vai al contenuto della pagina vai al menu di navigazione
 

Descrizione generale

Modello tridimensionale del nuraghe e delle capanne messe in luce dagli scavi.
Planimetria del nuraghe dal settore 1 e planimetria dell'ambiente 5 nel settore 1.

La sezione di Archeologia del Dipartimento di Storia Culture Civiltà dell'Università di Bologna e il Comune di Nuoro, Assessorato all'Ambiente, hanno intrapreso a partire dal 2012 un progetto di ricerca nel parco di Tanca Manna nel quartiere di Su Nuraghe a Nuoro, dove è documentato un villaggio databile all'età del Bronzo (fasi BM2, BM3 e BR) composto da un nuraghe monotorre e da diverse strutture di carattere residenziale.

Il progetto ha un duplice obiettivo: il completo recupero, la valorizzazione e la fruizione del complesso archeologico all'interno del parco pubblico è la valutazione ambientale del paesaggio antico visto come base delle risorse di sussistenza e di programmazione economica che dovevano essere ben pianificate dalle comunità dell’età del Bronzo.

Nel 2012 sono state eseguite dall'Università di Bologna (dott. Andrea Fiorini) operazioni di rilievo del nuraghe utilizzato moderne tecniche di fotogrammetria e di restituzione tridimensionale che permettono sia di valutare più agevolmente le fasi costruttive, sia di individuare i numerosi interventi di restauro ed integrazione del monumento. Mentre nella campagna di scavi del 2013 si proceduto con l’estensione del rilievo 3D alle strutture messe in luce con l'obiettivo di formalizzare tecniche che superino le tradizionali modalità di documentazione bidimensionali. L'accurata documentazione sul campo e le ricerche in archivio hanno permesso di analizzare la struttura del nuraghe e valutare l'impatto dei precedenti interventi di restauro condotti negli anni ‘60 e nel 2005.

La campagna di ricerche, condotta tra agosto e ottobre 2013, con la direzione scientifica di Maurizio Cattani dell’Università di Bologna e la direzione dei lavori sul campo di Demis Murgia e Florencia Debandi, ha proseguito l'indagine stratigrafica nelle strutture del villaggio già messe in luce nell'intervento del 2005 (ambienti 1, 2, 3, 4) e ha ampliato lo scavo nei settori a Nord (sett. 1) ed a Ovest (sett. 2) del Nuraghe per una superficie complessiva di ca. 500 m2.

Nel settore 1 si è completato lo scavo dell'ambiente 1, una struttura a pianta circolare con diametro di ca. m 6 e muri costruiti con grandi massi di granito integrati da blocchi di diversa pezzatura. L'indagine ha raggiunto il piano pavimentale costituito in gran parte dalla roccia naturale e ha permesso di ricostruire le fasi di costruzione definite dalla posa delle murature e dall'inserimento di strutture accessorie all'interno dell'ambiente.

Mentre nell’ampliamento del settore 2, nell'area a sud-ovest del ambiente 3, è stata individuata una fase di frequentazione con allineamenti di pietre che si appoggiano ai grandi massi di granito naturali e abbondanti frammenti di ceramica. Al termine della campagna è stata messa in luce gran parte della planimetria dell'ambiente 5, a pianta rettangolare con orientamento Nord-Sud e con una superficie abitabile di ca. 18 m2 (m 6 x 3,1).